Pianificare il menù settimanale è un ottimo metodo per avere sotto occhio la frequenza dei cibi che si mangiano e variare di più il menù mangiando meglio. Consiglio sempre alle mie pazienti di pianificare la settimana in base alle loro esigenze, che potrebbero variare dal giorno in cui hanno più tempo per mettersi ai fornelli, al giorno in cui c’è il banco del pesce fresco in piazza, ecc.

Scrivere un planning settimanale apporta anche il vantaggio di risparmiare DENARO! Infatti se si scrive quello che serve si è sicuri di acquistare solo ciò che si consuma senza il rischio di trovarsi all’ultimo minuto senza un ingrediente e recarsi al supermercato comperando poi 10 prodotti in più! Oppure, al contrario, si corre il rischio di comperare troppo e finire con il buttare le cose, che a mio avviso è ancora peggio (odio gli sprechi).

Chi si organizza risparmia anche TEMPO. Se uno ha una chiara lista della spesa di cosa e dove comperare va dritto al dunque, senza perdere tempo passeggiando tra gli scaffali e facendosi tentare da alimenti malsani. Inoltre sapendo in anticipo cosa cucinare ci si organizza in modo di preparare in anticipo le pietanze (quando si ha tempo) per congelarli e magari scongelarli successivamente (quando non si ha tempo).

Organizzare i pasti vuol dire decisamente MANGIARE MEGLIO! Sapendo a priori che i formaggi, i salumi e le uova sarebbe meglio non inserirle più di 1 volta a settimana, mentre il pesce andrebbe inserito almeno 3 volte a settimana, i legumi 2 volte, la carne 2-3 volte a settimana si riesce a pianificare la settimana in modo ottimale, rendendo il menù vario e mangiando meglio.

Io per esempio il lunedì sera mangio sempre le uova (free meat Monday), il martedì mangio sempre il pesce perché lo acquisto fresco al mercato di B.go Venezia, il mercoledì tocca la carne, il giovedì o formaggio di capra (uscendo dal lavoro mi fermo al mercatino bio di Montorio) oppure legumi, il venerdì pesce (e qui vado in negozio oppure se ho la fortuna di uscire lo trovo già pronto al ristorante 🙂 ), il sabato pizza o salumi (dipende…giornata jolly), la domenica legumi o carne. Questa è più o meno la mia settimana tipo per le cene.
Quando pianificate la settimana tenete presente i vostri impegni serali (se dovete uscire presto, se tornate tardi dalla palestra, ecc), i tempi di preparazione dei piatti (cose veloci oppure cotture lunghe), se avete o meno la possibilità di prepararli in anticipo, ecc.

E citando Aristotele per finire ricordatevi che “Noi siamo quello che facciamo ripetutamente. Perciò l’eccellenza non è un’azione, ma un’abitudine.“

Buon planning a tutti 🙂

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *